Venti di striscia

Oltre 4000 monitor, 100 tapiri reinterpretati da 10 grandi designer, 1 libro edito da Electa e 1 installazione curata da Margherita Palli che racconta l'evoluzione del percorso di "Striscia la Notizia" attraverso la riproposta in chiave Pop del format televisivo per celebrare dall'11 al 25 novembre 2007 in Triennale le 20 edizioni di Striscia la notizia.

A mobilitare questo gran dispiego di forze è stato Davide Rampello, Presidente della Triennale che da sempre sensibile al linguaggio Tv ha pensato di far creare un universo immateriale, in cui le oltre 4000 puntate della trasmissione rivivono nello stesso "contenitore" attraverso piccoli monitor da 7 pollici. Il percorso della mostra si snoda tra tapiri elefantiaci di colore azzurro tatuati con le frasi che negli anni hanno accompagnato la filosofia del tg satirico, frasi riconducibili al suo creatore Antonio Ricci e teche in plexiglass che contengono oggetti mai visti e curiosi che svelano il dietro le quinte del programma piu' popolare della Tv. L'installazione è arricchita dal contributo di dieci grandi artisti e designer contemporanei: Pierluigi Cerri, Aldo Cibic, Michele De Lucchi, Piero Lissoni, Alessandro Mendini, Mario Piazza, Italo Rota, Denis Santachiara, James Jarvis, Ian Stevenson, che si sono prestati a celebrare il valore anche artistico e meta linguistico dell'animale simbolo della trasmissione di Antonio Ricci che da sempre ha creato personaggi, miti e modi di dire entrati a far parte dell'immaginario collettivo. Sempre in occasione della Mostra della Triennale "Venti di Striscia", Electa pubblica l'omonimo libro, che dalla A alla Z ripercorre attraverso immagini, segni, simboli e rivelazioni Striscia la Notizia.


Fotogallery